Lebron James, Stephen Curry e il Bianconiglio

Nella notte tra il 1 e il 2 giugno ci sarà l'attesissima gara 1 di finale Nba 2017 che vede contrapposte… continua a leggere

Lebron James, Stephen Curry e il Bianconiglio Lebron James, Stephen Curry e il Bianconiglio

La favola di Amore e Psiche…. Lebron non la dimenticare

La finale è servita, la tanto attesa Cavs vs Warriors è pronta. Il dramma di una rimonta improbabile… continua a leggere

La favola di Amore e Psiche…. Lebron non la dimenticare La favola di Amore e Psiche.... Lebron non la dimenticare

Kyre Irving Time

Oggi parliamo di un alieno che ha saputo azionare i superpoteri nel momento in cui venivano richiesti.… continua a leggere

Kyre Irving Time Kyre Irving Time

Complimenti Celtics……

Perdi gara 1 di 13 e gara 2 di 44, entrambe sul tuo parquet. Perdi il tuo miglior giocatore, che probabilmente… continua a leggere

Complimenti Celtics…… Complimenti Celtics......

Lebron James come Fausto Coppi

"C'è un uomo solo al comando, la sua maglietta è bianco celeste, il suo nome è Fausto Coppi!" Con… continua a leggere

Lebron James come Fausto Coppi Lebron James come Fausto Coppi

Nella notte tra il 1 e il 2 giugno ci sarà l’attesissima gara 1 di finale Nba 2017 che vede contrapposte le due squadre pronosticate per la vittoria finale: i Cleveland Cavaliers e i Golden State Warriors. Il duello tra i due più forti giocatori attualmente in circolazione, molto diversi tra loro nel gioco e nel fisico: Stephen Curry e Lebron James. Continua a leggere

La finale è servita, la tanto attesa Cavs vs Warriors è pronta. Il dramma di una rimonta improbabile dei Celtics è stata spazzata via da una prestazione dominante dei Cleveland Cavaliers che da subito Continua a leggere

Oggi parliamo di un alieno che ha saputo azionare i superpoteri nel momento in cui venivano richiesti. Per azionare il campione che c’è in lui è servito il 4 fallo di LeBron nel secondo quarto, con 7 minuti da giocare. Da quel momento 33 punti con 13/16 al tiro.

Un terzo periodo da 21 punti e 9/10 dal campo, 42 punti a fine partita, e soprattutto alcuni minuti in cui è stato semplice superiore a tutti i bipedi presenti sul parquet, con canestri irreali contro 2-3 difensori Celtics, che hanno seguito una distorsione alla caviglia che sembrava doverlo costringere a uscire.

Semplicemente irreale in tutto quello che ha solamente pensato. E’ un giocatore totale che non solo è fatto per giocare i playoffs ma in particolare i momenti delicati delle partite delicate di playoffs.

I Cavs saranno pure LeBron-dipendenti, ma quando Kyrie decide di mettersi in proprio fa tutta la differenza del mondo. Il Re ha ritrovato il suo soldato più fedele:

“Kyrie è nato per questi momenti”

Continua a leggere

Perdi gara 1 di 13 e gara 2 di 44, entrambe sul tuo parquet.
Perdi il tuo miglior giocatore, che probabilmente dovrà operarsi all’anca e ha salutato anzitempo i Playoffs.
Ti trovi sotto di 21 nel terzo quarto, 77-56, in casa dei campioni in carica, e ti stai incamminando lentamente verso uno sweep più che scontato.

Poi? Poi il sangue verde che scorre nelle vene di questi ragazzi decide di mettere la museruola a LeBron (senza canestri nell’ultimo quarto), difendere alla grande sul perimetro e gestire con intelligenza ogni singolo possesso (le ultime 3 chiamate di Stevens, compresa la rimessa finale, sono un capolavoro). Smart mette il suo massimo in carriera, Bradley si dimostra giocatore ormai decisivo anche in attacco, e tutti gli altri mettono un prezioso tassello. Crowder, Horford, ma anche Jerebko e Olynyk.

Il risultato è che i Cavs non sono più imbattuti nei Playoffs, la striscia di 13 vittorie nella post-season iniziata lo scorso anno si interrompe, e questo gruppo di splendidi giocatori e grandissimi uomini dà una dimostrazione di maturità e orgoglio che merita una standing ovation al di là di come probabilmente finirà comunque la serie.

Le squadre di LeBron erano 49-0 ai Playoffs quando sopra di almeno 20 punti. Da oggi, 49-1. Un puntino verde in un record fino ad oggi immacolato. Un puntino fatto di cuore e di grandi attributi. Complimenti Boston.

Continua a leggere

“C’è un uomo solo al comando, la sua maglietta è bianco celeste, il suo nome è Fausto Coppi!” Con queste parole Mario Ferretti, vecchio cronista del Ciclismo anni 50 Rai, descriveva lo scatto di Coppi che Continua a leggere

La serie Washington vs Boston è finita, ha vinto la squadra sfavorita dai bookmakers. Gli Wizards hanno provato rimanendo attaccati ai Celtics sempre, in ogni partita, per tutta la serie, ma non è bastato. Continua a leggere

Quanto mi piacciono le locandine dei film, dove il titolo del film sovrasta tutta ma poi c’è la faccia del protagonista, la compagna del protagonista e poi l’antagonista. A volte non si capisce bene, a volte le locandine non rispecchiano bene Continua a leggere

Oggi parliamo di miti, favole così antiche che apparentemente raccontano “storielle per piccini oramai troppo lontane dal mondo di oggi”, così le additiamo noi adulti. E’ sul termine “apparentemente” che tutto gira. Continua a leggere

Perché continuo ad alzarmi la notte per guardare una partita NBA anche se la mattina alle 6.45 la sveglia suona? Molte volte me l’hanno chiesto e ho sempre provato a rispondere che amo lo sport, il basket e che la migliore espressione di questo sport sia proprio il mondo NBA. Continua a leggere

Mi chiedo ma se John Wall migliorasse il suo tiro dall’arco? E se Beal migliorasse il suo gioco difensivo? E se Gortat mantenesse il numero di rimbalzi presi in questa serie di playoffs? E se Porter Jr. continuasse ad avere medie dal campo del 60%? E se Continua a leggere

News

Sondaggio

Quali saranno le finaliste NBA?

Risultato

Loading ... Loading ...

Archivi